Abitudini Alimentari – Natale eco & cheap

(Articolo redatto e pubblicato da Marzia Mirabelli – 15 dic 2015)

Pranzo NataleUn altro anno è volato e ci troviamo nuovamente a formulare buoni propositi pre-natalizi sul mantenimento delle buone abitudini alimentari: mantenere la linea, non abbuffarsi troppo ma di questo abbiamo già parlato ampiamente; un aspetto che invece trovo molto attuale, purtroppo, è salvaguardare, oltre alla linea, anche il budget, che ogni anno pare ridursi.Come fare quindi a trascorrere le Feste senza troppi pensieri? In questo articolo proverò a dare qualche consiglio legato all’alimentazione e alla riduzione degli sprechi in cucina in un periodo così fastoso.  

Per prima cosa occorre pianificare con anticipo pranzi e/o cene: calcolare il numero degli invitati e, nella stesura del menù e nella compilazione della lista della spesa, essere realistici nella stima delle porzioni, considerando che il numero di portate sarà sicuramente superiore a quello di un pasto normale. Nessuno si alzerà da tavola affamato, state tranquilli!

Una volta scelto con tutta calma e con anticipo il menù, bisogna pianificare anche dove recarsi a fare la spesa, a seconda delle necessità e della convenienza.

E’ sempre molto importante recarsi al supermercato con calma, ovviamente a stomaco pieno, e con la lista dettagliata della spesa: così si acquisteranno solo i prodotti necessari senza troppe tentazioni. Prima di fare acquisti copiosi, presi dalle offerte speciali che si moltiplicano durante i periodi festivi, verifichiamo sempre le scadenze!

Ricaviamoci anche un po’ di tempo per la preparazione dei vari alimenti, con un po’ di fatica e impegno in più potremo risparmiare sui prodotti dei banchi di gastronomia, già pronti e molto allettanti, ma anche molto cari. Oppure optiamo per ricette più semplici ma tradizionali.

Al momento di impiattare, servire porzioni piccole, per evitare sprechi (e con un occhio alla linea!): al massimo il commensale chiederà un bis! L’alternativa è lasciare che gli ospiti si servano da soli: ognuno potrà prendere i cibi in base alle preferenze e alla fame.

Cosa fare poi degli avanzi? Con la speranza che siano comunque pochi, occorre conservarli in maniera sicura ed efficiente, utilizzando appositi contenitori per il frigorifero e il congelatore, e non lasciando i cibi cotti a temperatura ambiente per più ore per evitare il proliferare di batteri; è conveniente anche dividere gli avanzi in piccole porzioni prima del congelamento per rendere più semplice un loro utilizzo successivo.

Con gli avanzi bisogna anche essere creativi, sperimentando nuove ricette e nuovi abbinamenti.

Infine, ricordiamoci che, se la dispensa straripa di alimenti a lunga conservazione che abbiamo acquistato o ricevuto in dono, non siamo obbligati a mangiarli tutti per evitarne il deperimento, ma si possono regalare o donare a chi ne potrebbe avere bisogno.

Facciamo tesoro delle esperienze degli anni precedenti: l’anno scorso abbiamo avanzato tanto? Allora organizziamoci meglio quest’anno per non replicare gli errori!

Buone Feste a tutti!

 

 

                                                           Dott.ssa Marzia Mirabelli

                                                  MANIERISTUDIOMEDICO

Facebook