Benessere sessuale per l’uomo in salute

(Articolo redatto e pubblicato da Chiara Manieri – 11 dic 2016)

Sembra ovvio affermare che il benessere sessuale per l’uomo di ogni età è strettamente correlato alla salute complessiva ma nella mentalità comune i due aspetti non sono affatto così collegati! Nel Congresso Nazionale della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS) che si è appena concluso a Roma, sono stati innumerevoli gli interventi che hanno ben analizzato i rapporti esistenti tra salute generale, benessere ed attività sessuale maschile. In particolare sono state prese in considerazione alcune affezioni patologiche molto frequenti quali il Diabete Mellito tipo 2 (DM2), l’obesità e l’ipertensione arteriosa. I pazienti con DM2 presentano disfunzione erettile (DE) con una prevalenza tre volte maggiore rispetto alla popolazione sana di pari età (36% contro 12%), gli obesi ancora più frequentemente (oltre il 40%), mentre la DE rappresenta una frequente complicanza vascolare dell’ipertensione arteriosa, soprattutto se non sufficientemente controllata con la terapia ipotensiva. Questi dati permettono alcune riflessioni:

  • I soggetti con DM2, obesità o ipertensione devono essere trattati mediante farmaci ma soprattutto mediante modificazioni dello stile di vita (alimentazione, attività motoria, anti-ossidativi ecc) per evitare l’ insorgenza della DE.
  • In caso di presenza di una DE è indispensabile correggere lo stile di vita ancor prima di assumere una terapia farmacologica.

In altre parole è giunto il tempo in cui gli uomini inizino a pensare alla propria salute come ad un tutt’uno armonico con l’attività sessuale la quale può essere penalizzata anche seriamente in assenza di attenzioni o di trattamenti adeguati. L’andrologo è lo specialista della salute maschile generale oltre che sessuale e riproduttiva e deve essere considerato un alleato indispensabile per la salvaguardia della salute ad ogni età.

Facebook